Finalmente pubblicate le Linee Guida Europee sulla Balanopostite: dalla diagnosi alle terapie
Recentissimamente pubblicate le Linee guida europee sulle Balanopostiti.
Un traguardo che attendevamo da tempo, reso finalmente possibile grazie al lavoro delle seguenti importanzi organizzazioni e società scientifiche:

European Academy of Dermatology and Venereology (EADV)
European Dermatology Forum (EDF)
European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases (ESCMID)
Union of European Medical Specialists (UEMS)
European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC)
European Office of the World Health Organisation (WHO-Europe)
Il “core” di questo lavoro ha incentrato su due cardini peculiari gli aspetti di questa – sempre troppo sottostimata patologia:
1. E’ stato stabilito come questa patologia sia in realtà un “gruppo di malattie” che può in sè racchiudere diverse e dissimili quadri clinici
2. E’ stato chiaramente indicato nel ruolo del dermatologo venereologo la figura cardine per la diagnosi di queste che sono a tutti gli effetti malattie cutanee
Da sempre anche in questo sito, sosteniamo – e queste linee guida lo confermano – che le balanopostiti debbano avere un indirizzo medico specialistico dermovenereologico e che la diagnosi è la base su cui poter far dipartire una mirata terapia.
Sottolineiamo questo aspetto che può apparire scontato, poichè l’esperienza clinica maturata da anni su questa patologia ci ha insegnato (spesso nelle second, third ed n..opinion) che molto spesso i pazienti ricorrendo ad automedicazioni o a pareri non specialistici, si affidano a terapie “ex adiuvandibus” per cercare da subito di limitare i segni e sintomi di un qualcosa che ancora non è stato diagnosticato.
Queste linee guida, evidenziano invece che, le Balanopostiti, racchiudono in un unico apparente termine, malattie completamente diverse fra loro, le quali spaziano da quadri:
INFETTIVI
– infettivi micotici
– infettivi aerobici
NON INFETTIVI – DERMATOSICI E DERMATITICI
– Lichen sclerosus
– Lichen planus
– Balanite plasmacellulare di Zoon
– Eczema (irritanti, allergici, seborroici etc.)
– Quadri non specifici
– Balanopostiti autoimmunitarie
– Balanopostiti sistemiche (morbo di Reiter)
BALANOPOSTITI – PRECANCEROSI
– Eritroplasia di Queyrat
– Morbo di Bowen
– Papulosi bowenoide
In questo contesto pertanto, ciascuna terapia deve essere selezionata solo dopo un’attenta anamnesi e diagnosi di patologia, in virtù dei tanti aspetti che possono celarsi dietro quello che troppo spesso viene svilito a “problema passeggero” e sovente non lo è.